Apr 4, 2011 - Homebrew    No Comments

Einstein – impressioni

eti_Einstein.png

Finalmente eccoci al momento tanto atteso,

dopo avervi parlato dell’imbottigliamento, illustrato l’etichetta, etc…….. vediamo ora la fase più interessante, la degustazione delle prima birra prodotta nel 2011.

La prima birra che esce dai “mastri birrai” Coraz&Moreno con la propria etichetta. Nuovop anno, nuova birra, nuova etichetta e soprattutto il nome della birreria: Birreria Zapap, in onore al tino filtro utilizzato per separare le trebbie dal mosto.

Andiamo, vediamo se il lavoro a marzo ci appaga e raggiunge le aspettative.

 

Einstein.pngApro la bottiglia con apprensione, so bene, per passata esperienza diretta,  che non sempre si fa centro, può anche capitare che qualcosa vada storto e che la nostra amata birra sia buona solo per abbevverare il lavandino.

Appena versata si nota la schiuma bianca, fine, pannosa, compatta ma soprattutto DURATURA.

La birra si presenta di un bel colore oro carico, un po velato, ma ci può stare.

Al naso si percepiscono note erbacee tipiche del luppolo e note amare.

In bocca conferma tutte le sensazioni ricevute dagli altri sensi, si scatena un amaro deciso, importante ma non eccessivo, con aromi erbacei e citrici dovuti all’uso dei luppoli Hersbrucker e Saaz e speziati dovuti al luppolo Lublin. Buona la presenza di anidride carbonica, la gasatura genera bolle medio piccole. Il corpo è pieno, giusto per una birra in stile Pils, pulito e con un fiinale molto secco.

 

Alla fine la birra ha superato tutte le aspettative, il corpo, il colore, la schiuma e la gasatura centrano appieno lo stile pils ed i gusti dei due mastri birrai.

Il passo successivo sarà quello di condividere questi sapori con gli amici, ma sarà dura conservare le bottiglie, mi sa proprio che finiranno in un baleno.

 

Un saluto e in bocca al luppolo!!

 

 

Einstein – impressioniultima modifica: 2011-04-04T21:44:20+02:00da birraburro
Reposta per primo quest’articolo

I commenti sono chiusi.